Come avviene la rodiatura di oggetti in oro giallo, oro bianco e argento

Written by Redazione Simply Gold on . Posted in Blog

Se possiedi collane, braccialetti, orecchini ecc. in oro giallo, oro bianco o argento che nel corso del tempo hanno perso il loro splendore grazie al processo di rodiatura potrai ridonare loro l'antico splendore perduto.

Questo processo chimico non solo permette di ridare nuova vita ai vostri gioielli ma vi consentirà anche di proteggerli dall'usura del tempo.

Prima di andare a vedere in che modo avviene la rodiatura di oggetti in oro giallo, oro bianco e argento è bene specificare una cosa.

Questo processo non va ad intaccare in alcun modo il gioiello in quanto va ad agire solamente sullo strato superficiale dello stesso.

Il processo di rodiatura può essere applicato ad oggetti in oro giallo, bianco e in argento, ma qual è la differenza tra oro bianco e oro giallo? La composizione chimica.

L'oro è un metallo prezioso che in forma pura (24 kt) presenta una malleabilità tale che non lo rende idoneo per la produzione di gioielli. In forma pura l'oro si trova esclusivamente sotto forma di lingotti, medaglie e monete. In oreficeria dunque l'oro viene legato ad altri metalli per aumentarne la durevolezza e garantire così una maggiore resistenza al gioiello stesso.

Quello che viene definito comunemente oro giallo è dunque una composizione di oro (75%), argento (7-12%) e rame (13-18%), mentre l'oro bianco è composto dal 75% di oro e il resto da nichel,argento o palladio.

Ciò che molti non sanno è che gli oggetti in oro bianco che si trovano in gioielleria non si presentano "naturalmente" con la la brillantezza e la lucentezza consone che possiamo ammirare ma vengono sottoposte ad un trattamento chimico, la rodiatura appunto, che dona loro l'aspetto che conosciamo. Senza questo processo i gioielli apparirebbero con un colore giallino.

Come facile intuire la rodiatura utilizza il rodio, metallo prezioso appartenente alla famiglia del platino, caratterizzato dalla sua durevolezza, resistenza e dalla sua ottima capacità riflettente.

Attraverso il processo di elettrolisi viene applicato sull'oggetto uno strato sottilissimo (1 micron) di rodio. Dopo aver accuratamente pulito l'oggetto questo viene immerso per 60 secondi in una soluzione a base di rodio (bagno galvanico) ed in seguito viene sciacquato e asciugato con cura.

La rodiatura di oggetti in oro e argento non ha solamente una funzione estetica ma consente anche di proteggere anelli, collane ecc. dall'ossidazione e dall'usura e consentirà ai vostri gioielli di riacquistare l'antico splendore perduto.